Il problema era che lo guardavo come si guarda il mare a fine estate.
sorridevamaintantomorivadentro (via sorridevamaintantomorivadentro)

(Source: drewwilsonphoto)

Mi ha stretto fra le sue braccia e mi ha baciato la fronte, ho pensato “stavolta o mi salva o mi uccide”.

(via nelgrandeblu)

Probabilmente da oggi la rebloggherò ogni giorno

(via 960kilometers)

La rebloggheró ogni volta che mi comparirà nella home.

(via unombrasullosfondo)

reblog per sempre

(via amorimpossibili)

e mi ha ucciso

(via urlosottovoce)

e disse:Lei è mia :’)

Mi ha ucciso:-)

mi salva

(via earthquakeofemotions)

sbam e come ogni volta mi salva per poi uccidermi.

(via saporedimarlbororosse)

E ho pensato anche ‘mi ammazza, ne sono sicura’ e quindi mi sono allontanata e l’ho perso. Bello eh? Vabbè

(via lecosechenondicomai)

La prima volta che l’ho rebolggato ero fottutamente felice e ora sono a pezzi.grande,mi ha uccisa

(via 960kilometers)

tu che hai scritto il commento sopra, siamo nella stessa situazione, stessa merda

(via costoleincrinate)

Mi salva ma allo stesso tempo mi uccide

(via amillionpiecesofmeonthefloor)

Non mi ha salvata…

(via lucerossa)

La rebloggo ogni volta.

(via lontanadaltuocuore)

Mi ha salvato la vita.

(via sorrisi-per-coprire-i-pianti)

In Giappone ci sono tre modi per dire “ti amo”.

-Il modo più trascurabile è “Daisuki!”, per la persona che ti piace.

-Poi si dice “Aishiteru!” per una relazione più seria

-“Koishiteru!” e lo si dice alla persona con cui si desidera trascorrere il resto della vita insieme.

E loro lo seguono seriamente. È da ammirare. Loro non banalizzano il “ti amo” come fanno la maggior parte delle persone qui.